Corriere Canadese

TORONTO - Riceviamo e pubblichiamo una lettera spedita a dicembre ad altri media e inviata ieri al Corriere Canadese dall’architetto Gaetano Rao, con una parte introduttiva che non pubblichiamo per motivi di spazio.


Gaetano Rao
 
TORONTO - Signori, se il nostro incomparabile genio, “DANTE” e il nostro marinaio-esploratore “CRISTOFORO” avessero letto l’articolo “Bold Design for New Columbus Centre” ..., immagino che Alighieri vi avrebbe messo tutti quanti nel Canto del Purgatorio e Colmbo non avrebbe mai voluto visitare una struttura tanto iconica per il lascito italiano per... “risplendere luminosamente per le generazioni future”!
Alla prima lettura della vostra presentazione nell’edizione di dicembre di Panoramitalia, il mio istinto meridionale mi ha detto di sgranare gli occhi a tale analfabetismo culturale-architettonico e “ fatti I c... tuoi .... loro sono nel loro feudo….e  fanno finta di ’consulte’….dopo il parto segreto, arrogantemente a nome di tutta la Comunità Italo-Canadese / Italiana”.
Comunque, sono obbligato ad applicare la mia responsabilità, come un patriota italiano in Canada con sostanziali credenziali professionali, a nome di tutta la comunità che non è in grado o è timida per ragioni politiche o di affari, a esprimere riguardo il “linguaggio” dell’Architettura o “l’insegnamento della cultura”, a portare la vostra attenzione alla realtà che ciò che è presentato come audace design è solamente una mediocre scatola di uffici in vetro che certamente non evoca nulla di “Italiano” o di “Italocanadese”.
Sono a conoscenza del fatto che storicamente i provveditorati sono responsabili per l’insegnamento ai bambini in squallidi scatoloni senza anima, dentro le restrizioni del budget, voi invece in questo caso avete un’enorme responsabilità nel permettere ai vostri architetti della svogliatezza se non un assoluto incoraggiamento nel produrre, perlomeno, una visione esteriore fisica che veramente “parli poeticamente-filosoficamente italiano”.... non solo un altro scatolone di vetro semplicemente nudo come un ufficio aziendale che si propone di incrementare l’identità delle nostre generazioni future...!
L’unico particolare iconico a me visibile nella rappresentazione Caramel (coincidenza simbolica).... sono le bandiere.
 
Gaetano Rao è un architetto di Toronto. Le opinioni espresse non coincidono necessariamente con quelle del giornale

About the Author

Corriere Canadese

More articles from this author