Corriere Canadese

Il Napoli non sa tirare i corner e non li sa difendere. Sembra dimutivo ridurre e questo dato il miracolo prima sfiorato e poi compromesso appunto da due errori di marcatura su tiro d’angolo. Gli azzurri hanno giocato bene a metà. Le scatole sono girate al Real solo nel primo tempo. I Blancos di Zizu, che le suddette scatole le hanno di notevole spessore, nella fase inziale hanno sofferto le frizzanti azioni rasoerba di Mertens e Insigne. 
La rete dell’illusione, siglata magistralmente dal piccolo belga, era stata orchestrata da Hamsik autore di un altro passaggio alla vai e segna come quello di Roma. Peccato che poi Hamsik abbia avuto un peso determinante nel primo gol loro quando ha dato il via, con un passaggio sbagliato, all’azione che avrebbe dato l’angolo su quale Sergio Ramos è andato a colpire in slendida solitudine. Questo gol ha tolto il vento della passione dalle vele azzurre e poco dopo è arrivato il colpo del ko definitivo. Il capitano spagnolo ha ancora colpito su corner, e ironia ha avoluto che sulla trettoria ci mettesse  testa proprio Mertens per la deviazione defintiva.
Sugli spalti del San Paolo c’era San Gennaro, ma il travestimento del tifoso è stato inutile. Il Napoli ha giocato bene a metà, per giocare bene tutta la partita avrebbe dovuto avere maggiore attenzione nel reparto che è satto il tallone di Achille della squadra, la difesa.
 

About the Author

Nicola Sparano

Nicola Sparano