Corriere Canadese

TORONTO - Tra Toronto Fc e la Juventus sembra esserci un legame speciale. Sono stati proprio due ex bianconeri doc come Roberto Bettega e Sebastian Giovinco, a far innamorare la Toronto calcistica rispettivamente nei primi anni ’80 e in questi ultime due stagioni. E proprio l’avventura di Bettega a Toronto portò la Juve a giocare allora due partite con i mitici Blizzard. Quella giocata il 4 aprile dell’84 al Dall’Ara di Bologna fu anche la prima partita a cui ha assistito il nostro direttore Francesco Veronesi, che all’epoca aveva appena otto anni. E che ovviamente è tifoso juventino.
Adesso a rendere ancora più stretto questo legame ci si mette anche il Torneo di Viareggio. Sì, perché per l’esordio nel torneo giovanile più conosciuto del mondo i giovani di Toronto Fc III se la vedranno proprio con la Juventus.
Si è infatti svolto ieri il sorteggio dei 10 gironi della 69ª edizione del Torneoi di Viareggio, che si terrà dal 13 al 29 marzo. E la dea bendata ha inserito i giovani Reds nel girone 1 insieme appunto ai campioni in carica della Juventus, ai cechi del Dukla Praga e alla Maceratese. Per i ragazzi di Danny Dichio sarà quindi un impatto piuttosto forte quello con la manifestazione giovanile della città toscana, perché oltre alla Juventus, primatista di vittorie insieme al Milan con nove successi, c’è anche la formazione straniera che in questi 69 anni ha raccolto più successi al Viareggio, il Dukla Praga (sei vittorie).
Un gruppo tosto quindi, che farà felice il presidente Bill Manning, che proprio al Corriere aveva detto che la società vedeva il Viareggio come un’occasione per capire a che livello sono i propri ragazzi rispetto alla meglio gioventù del calcio mondiale. 
“Siamo molto contenti di giocare contro una delle migliori scuole di calcio in Europa - ha commentato il tecnico di Tfc III, Danny Dichio - Questa è una grande opportunità per i nostri giovani di giocare partite importanti che si giocano davanti a tante persone e vengono trasmesse anche in tv”.
Manning e Dichio potrebbero chiedere consigli a Sebastian Giovinco, campione nel 2005 e finalista l’anno successivo quando i bianconeri persero contro gli uruguagi della Juventud. La Formica Atomica, che nel 2008 fu scelto per leggere il giuramento che apre ogni anno il torneo, è forse uno dei giocatori più importanti usciti dal vivaio bianconero, che dal 2002 a oggi ha vinto otto volte il torneo.
Tfc III però non sarà l’unica squadra nordamericana a partecipare al torneo. Nel girone 4 con l’Inter ad esempio ci sono i L.I.A.C. di New York e l’Athletic Union, la squadra di calcio di un centro polisportivo di Lake Buena Vista in Florida.
La vera curiosità però è che in realtà Tfc III non sarà la prima squadra canadese a giocare al Torneo di Viareggio. Nel 1991 infatti partecipò una selezione del Centro Scuola di Toronto, allenata da Peter Felicetti. La squadra giocò due partite perdendo 5-0 e 1-0 contro la Cremonese e fu eliminata.
Questi i raggruppamenti usciti dal sorteggio:
Gruppo A: Girone 1: Juventus, Dukla Praga (Repubblica Ceca), Toronto (Canada), Maceratese. Girone 2: Atalanta, Osasco (Brasile), Abuja (Nigeria), Ancona. Girone 3: Empoli, Zenit San Pietroburgo (Russia), Athletic Union (Stati Uniti), Ascoli. Girone 4: Inter, Pas Giannina (Grecia), L.I.A.C. New York (Stati Uniti), Spal. Girone 5: Bologna, Psv Eindhoven (Olanda), Sassuolo, Pisa.
Gruppo B: Girone 6: Napoli, Camioneros (Argentina), Rappresentativa Serie D, Bari. Girone 7: Milan, Belgrano (Argentina), Ujana (Repubblica Democratica del Congo), Spezia. Girone 8: Fiorentina, Cai (Argentina), Garden City Panthers (Nigeria), Perugia. Girone 9: Genoa, Bruges (Belgio), Cagliari, Parma. Girone 10: Torino, Rijeka (Croazia), Cortuluá (Colombia), Reggiana.
* Le partite del gruppo A si disputeranno lunedì 13, mercoledì 15 e sabato 18 marzo. Quelle del gruppo B invece martedì 14, giovedì 16 e domenica 19 marzo. Gli ottavi invece si giocheranno il 22 marzo, i quarti il 24, le semifinali il 27 e la finale mercoledì 29 marzo.

About the Author

Leonardo N. Molinelli

Leonardo N. Molinelli

More articles from this author