Corriere Canadese

TORONTO - Prima l’incontro alla Casa Bianca con il presidente americano Donald Trump, quindi il vertice con il primo ministro canadese Justin Trudeau. Sono questi gli incontri in agenda annunciati ieri dal presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni per il prossimo fine settimana. Il premier italiano, stando al programma annunciato direttamente dalla presidenza del Consiglio, raggiungerà Washington nella serata di mercoledì 19 aprile. Giovedì, in mattinata, è previsto un suo intervento al Center for Strategic and International Studies (CSIS) della capitale americana, mentre nel primo pomeriggio avrà luogo il tanto atteso incontro con Trump alla Casa Bianca. In scaletta anche una conferenza stampa congiunta intorno alle 4.30pm.
 Numerosi saranno i temi in agenda: dal reciproco impegno contro il terrorismo internazionale alla grave situazione in Siria, passando dal ruolo della Nato e alle relazioni commerciali tra gli Stati Uniti e l’Italia.
Venerdì 21 aprile Gentiloni raggiungerà Ottawa. Alle 10.30 è previsto l’incontro a Parliament Hill con Trudeau, al termine del quale ci sarà una conferenza stampa congiunta. 
 La conferma della visita del premier italiano è arrivata ieri mattina anche dall’ufficio del primo ministro canadese. “Il Canada e l’Italia - ha dichiarato Trudeau - sono buoni amici e alleati e godono di una forte partnership commerciale e negli investimenti. Questa relazione è rinforzata dalla dinamica comunità italocanadese di circa un milione e mezzo di persone. Non vedo l’ora di incontrare il primo ministro Gentiloni per discutere le rispettive priorità per il Summit G7 di quest’anno a Taormina e del Ceta che creerà buoni posti di lavoro ben pagati su entrambe le sponde dell’Atlantico”.
Gentiloni era già stato in Canada, a Montreal, nel settembre del 2016. All’epoca ricopriva il ruolo di ministro degli Affari esteri nel governo guidato da Matteo Renzi. 
Durante la visita dello scorso anno, Gentiloni incontrò lo stesso Trudeau e l’allora ministro degli Esteri canadese, Stephane Dion.

About the Author

Francesco Veronesi

Francesco Veronesi

More articles from this author